Tag Archive for libri

Ticket Books – Il libro che è un biglietto della metropolitana

Il mio posto preferito per leggere? Un divano, su cui allungare le gambe, poggiare le spalle e… partire leggendo. È, però, anche il luogo in cui, a dir la verità, leggo meno. Vuoi per mancanza di tempo da passare stesa sul divano, vuoi perché, se devo essere sincera, mi ci addormento dopo una decina di pagine. In realtà il posto… Read more →

Niente, più niente al mondo

Devo mettere a posto la spesa. Tra poco arriveranno e non voglio che trovino la casa in disordine. Ne troveranno solo nella sua camera ma lì niente più niente al mondo potrà mettere ordine. Niente più niente al mondo servirà a mettere a posto le cose. Sono stanca, la fermata dell’autobus è lontana dal Supermegafantadiscount e mi sono dovuta fare… Read more →

La Storia Infinita

otairauqitnA ilobnairoC obarroC olraC eralotiT Questa scritta stava sulla porta a vetri di una botteguccia, ma naturalmente così la si vedeva solo guardando attraverso il vetro all’interno del locale in penombra. Fuori era una fredda, grigia giornata novembrina e pioveva a catinelle. Le gocce di pioggia correvano giù lungo il vetro, sopra gli svolazzi delle lettere. Tutto ciò che si… Read more →

I libri per l’estate

Si avvicinano le vacanze estive (per fortuna), il periodo dell’anno in cui leggo di più. Visto che grazie a quella prodigiosa invenzione che è il Kindle non rischio più di restare sugli scogli sfornita di libri (2 anni fa mi portai solo 3 libri. Li finii nella prima settimana. Si sfiorò la tragedia), urge fare una lista dei libri da… Read more →

Tutti gli uomini del presidente

In questi giorni siamo in pieno "datagate". Obama ha una bella gatta da pelare. Noi lo chiameremmo "datopoli" probabilmente, sull'onda di "tangentopoli", "parentopoli" e tutti gli altri scandali italiani i degli ultimi decenni. Al di là dell'oceano sono affezionati al suffisso -gate. Tutto prende il via dall'inchiesta dei due giovani cronisti del "Post" sullo scasso alla sede centrale del comitato del Partito Democratico nel complesso "Watergate". Da lì fu storia (l'inchiesta portò alle dimissioni di Nixon), e scuola del giornalismo d'inchiesta. Anni fa tra le bancarelle romane scovai il libro che racconta l'inchiesta. Alla Modica cifra di 2€ mi sono portata a casa un pezzo di storia. Che rileggo spesso. 20130609-110914.jpg Inizia così.
“17 giugno 1972. Le nove di un sabato mattina. Un po’ presto perché squillasse il telefono. Woodward trovò a tastoni l’apparecchio e si svegliò di colpo. Era il capocronista del “Washington Post”. Uno scasso nella sede del partito democratico durante la notte; cinque uomini, armati di apparecchiature fotografiche e di dispositivi elettronici, erano stati arrestati. Poteva fare un salto al giornale? Woodward, che lavorava al “Post” da appena nove mesi, era sempre in attesa di un buon servizio per il sabato; ma anche stavolta, a quanto pareva, gli era andata male.”
La descrizione dei due cronisti.
"Woodward cominciò a fare qualche telefonata, ma quasi subito notò che anche Bernstein, uno dei due cronisti del giornale che si occupavano della Virginia, stava lavorando sulla faccenda dello scasso. Oh, Dio! Proprio Bernstein, pensò Woodward, ricordando ciò che aveva sentito raccontare un giro sull'abilità con cui il collega sapeva mettere le mani su un buon servizio per firmarlo lui. [...] Bernstein lanciò un'occhiata attraverso la sala. C’era un pilastro tra la sua scrivania e quella di Woodward, circa 8 metri più in là. Indietreggiò di qualche passo. Era chiaro che anche Woodward stava lavorando su quella storia. Logico, pensò Bernstein. Woodward era una prima donna, classico tipo che sa giocare le sue carte per fare carriera. Furbo. Università di Yale. Ufficiale di marina della riserva. Grandi parchi, soffici tappeti erbosi, cabine di lusso, campi da tennis, immaginava Bernstein: tutte cose che però probabilmente non bastavano a fare di Woodward un buon cronista quando c'era da fare un'inchiesta. Non era molto bravo a scrivere. In redazione correva voce che voce che l'inglese non fosse la sua lingua madre. Bernstein aveva piantato gli studi senza laurearsi. A sedici anni aveva cominciato a lavorare come fattorino al "Washington Star", a diciannove era diventato cronista tempo pieno, e dal 1966 lavorava al "Post". Aveva fatto il cronista giudiziario e seguito la politica locale, si era cimentato in qualche servizio-inchiesta, e gli piaceva scrivere lunghi pezzi di colore su personaggi della capitale dintorni. Woodward sapeva che ogni tanto Bernstein recensiva concerti di musica rock. La cosa quadrava. Ma che a volte si occupasse anche di musica classica, proprio non gli andava giù. Bernstein aveva tutte le caratteristiche di quei giornalisti della controcultura che Woodward detestava. Per parte sua, era convinto che la rapida ascesa di Woodward al "Post" dipendesse, più che dalle sue doti, dalle credenziali che aveva come uomo dell'establishment. Non avevano mai fatto un servizio insieme. Woodward aveva 29 anni, Bernstein 28"

Un pirata piccolo piccolo

Le dittature esistono anche perché dei popoli le hanno permesse, i dittatori non nascono dal nulla, ma da contesti “favorevoli” Vi siete mai chiesti cosa significhi compiere gli anni il 29 febbraio? è la base del romanzo di Amara Lakhous: “Un pirata piccolo piccolo”.  L’autore di “Scontro di civiltà per un ascensore in Piazza Vittorio” racconta che l’idea per il romanzo viene… Read more →

EquiLibrismi – letture estive

Estate, vacanze, sole e mare… il mio periodo d’oro per la lettura. Due settimane di vacanze sono volate, e con loro 4 libri. Anche se poi, come sostiene, Giulia, in spiaggia non si riesce a leggere un granché. Tra bambini urlanti, genitori che urlano ancora più dei bimbi, e le storie di vita dei bagnanti che si mettono di mezzo… Read more →

Ma l’anno finisce ad Agosto?

Ed eccole, arrivano. 2 settimane di ferie. Un anticipo l’avevo avuto a luglio. Ma queste sono quelle “vere”. Quelle che in realtà chiudono l’anno. Perché, diciamolo, l’anno finisce veramente quando fai le vacanze estive.Mentre sei lì sullo scoglio a riposarti (o per chi ama la montagna seduto tra gli alberi), pensi alle cose fatte e inizi a dirti “Oh, adesso… Read more →

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: