Postpickr, quando gli strumenti social parlano italiano

Sì, lo so. Avevo già parlato degli strumenti di gestione social e avevo già nominato Postpickr.
Ma da allora sono cambiate parecchie cose e quello che sta accadendo intorno a questa realtà tutta italiana è molto interessante, così rieccomi qui.

Se sceglierete questa piattaforma potrete contare su un ambiente pratico e in italiano (quindi adatto anche a chi non mastica perfettamente l’inglese), avrete supporto anche tramite un gruppo Facebook (quindi potrete confrontarvi anche con altri utenti).

Perché ne parlo ora? Perché mancano 2 giorni alla chiusura della campagna di Crowdfunding su Eppela che aiuterà il team a portare avanti al meglio il progetto.
È interessante anche vedere come al momento del lancio della campagna l’obiettivo fosse arrivare a 10.000€, ma proprio grazie alla community che questo progetto è riuscito a costruire intorno a sé sia ormai a un passo dal doppiare la cifra.

Schermata 2016-03-16 alle 20.09.39

Partiamo dall’inizio, cos’è PostPickr?

Si tratta di una piattaforma di gestione social tutta italiana. Sicuramente molto interessante e con ottime potenzialità.

Partendo dall’inizio: su Postpickr potrete creare una cartella per ogni progetto che seguite a cui associare i diversi social. Scongiurando, così, il pericolo di postare sui social di un cliente contenuti di un altro.
Gestisce Twitter, profili e pagine Facebook, (per le pagine di Google+ sono in attesa dell’approvazione di Google), Linkedin.
Fin qui troverete molto in comune con altri strumenti di gestione. Ma uno dei punti di forza di Postpickr sta nel poter gestire al meglio il proprio calendario editoriale. Potrete infatti gestire i vostri progetti, attraverso la creazione di Smart-Feed o vere e proprie rubriche. Ovviamente potrete anche programmare singoli post.

Il vostro palinsesto sarà, poi, visibile anche su un pratico calendario (che vi permette così, a colpo d’occhio di vedere possibili buchi o sovraffollamenti).

Lo Smartfeed vi permette di condividere automaticamente contenuti da fonti di riferemento. Potrete importare contenuti da Feed Rss, Siti WordPress, Facebook, Twitter, Instagram, YouTube.
Potrete scegliere con che regolarità condividere e dando istruzioni su come “pescare” i contenuti.

  • Il più nuovo (condivide sui canali scelti il contenuto più recente pubblicato dalla fonte);
  • Casuale (sceglie un contenuto a caso tra tutti quelli disponibili nel feed);
  • Casuale tra i primi 5 o tra i primi 10 (restringe la ricerca agli ultimi 5 o 10 contenuti)

 

Le Rubriche sono una cartella all’interno della quale salvare ed organizzare i contenuti che vi serviranno nella gestione del vostro calendario editoriale. Ad esempio se gestite la pagina di un ristorante potrete avere una rubrica sui piatti del giorno, una sulle ricetta, un’altra sui vini…
Una volta inseriti i contenuti potrete fare in modo che questi vengano programmati per la pubblicazione sui vostri social.

Lo SmartPicker, poi, vi permette di importare e condividere automaticamente contenuti dal web (attraverso i feed RSS) o da altri social network (album e eventi di Facebook, da bacheche di Pinterest, utenti Instagram…).

Ora è anche disponibile Audience, l’area per le statistiche della vostra pagina Facebook.

Troverete tutte le risposte alle vostre domande su #AskPostpickr

Next-step? Lo stream dei canali social. E io non vedo già l’ora.

Che ci fate ancora qui? Andate a donare.

  2 comments for “Postpickr, quando gli strumenti social parlano italiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: