Con i tuoi occhi

Avete mai pensato al vostro rapporto con la tecnologia? La odiate ma non potete farne a meno? la amate alla follia? Vi è indifferente?

I miei primi approcci con le tecnologie

I miei primi approcci con le tecnologie

Io sono tra quelle che vivono di tecnologia, amano ogni cosa abbia un led, ogni cosa possa semplificarle la vita… ma poi non può fare a meno di un’agenda di carta per tenere a mente i propri impegni e ricordi.

Io amo la tecnologia, amo il fatto di poter scattare tutte le foto che voglio e poter selezionare con calma, dopo. Ma non potrei mai fare a meno delle stampe delle mie foto, finché restano solo digitali quelle foto, per me, non ci sono.

Ma il mio rapporto si è evoluto, se i primi tempi con la mia reflex ero un tutt’uno, con l’occhio sempre incastrato nel mirino o con gli occhi fissi al telefonino che scattava, ora ho imparato a scattare e poi godermi il momento (o viceversa), lasciando che siano i miei occhi a catturare tutto.

Ecco, per voi la tecnologia è un filtro costante?

Questo è il tema del nuovo video della Wind, diretto da Giuseppe Capotondi, che raccontata la storia di un piccolo gesto che diventa grande e pieno di significato: abbassare per un momento il cellulare e tornare a guardare la vita a occhi nudi. La protagonista è una ragazzina adolescente che, come tutte le sue coetanee, vive la maggior parte del tempo attaccata allo smartphone fotografando, filmando e condividendo online ogni momento della giornata; ma alla fine sarà la vita reale a rivalersi sulla tecnologia: la protagonista rinuncerà allo smartphone per godersi fino in fondo il saggio di danza della sorellina, mentre tutti intorno a lei hanno il viso immerso nei device.

Wind e Ogilvy&Mather pongono l’attenzione su un tema di grande attualità, e ci invitano a interrogarci sul modo in cui utilizziamo la tecnologia.

Buzzoole

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: